Far l’amore è rivoluzionario!

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

Ho visto il film “Il matrimonio che vorrei” con Meryl Streep, Tommy Lee Jones e Steve Carell e l’ho trovato geniale oltre che grandemente girato e interpretato.
Affronta senza banalità la storia di una donna che dopo 31 anni di matrimonio si accorge di non essere felice e inizia a desiderare un rapporto vero: vuole parlare con suo marito, vuole avere un contatto emotivo e fisico, e vuole amore.
Non mi aspettavo che il film riuscisse a raccontare in modo onesto e vero le reciproche ragioni che hanno portato questa coppia di amanti ad abbandonare il romanticismo e a cadere nella routine più vuota e meccanica.
Invece si racconta bene quel che a mio parere è l’angolo più nascosto della psicologia maschile: noi viviamo come un’offesa insanabile il rifiuto, il non essere accolti, e siamo capaci di oscura vendetta autistica.
È un concetto che trovo difficile persino esporre… Potrei dire che noi maschi che abbiamo subito un’educazione patriarcale, costruiamo il nucleo centrale della nostra forza/sicurezza sulla sequenza paura-vendetta-solitudine: desidero unirmi con altri esseri umani, non essere solo ma ho paura del mondo; ho grande paura del rifiuto; e quando sperimento il rifiuto (o il presunto rifiuto) reagisco con un atto di forza e di orgoglio: mi chiudo dentro di me, come una città assediata; pratico la resistenza del rifiuto dei contatti con il mondo esterno, dimostro a me stesso e agli altri che posso vivere da solo; occhio per occhio, rifiuto per rifiuto; questa scelta la perseguo con una determinazione cieca e posso andare avanti per decenni; contraggo i miei muscoli, contraggo il respiro, censuro quello stupido del mio corpo e quell’infantile del mio istinto che anelano contatti affettivi e giochi; mi blindo dentro, uso un senso critico esasperato come cemento dell’anima… E il maschio riesce a fare all’ennesima potenza quello che per una donna è difficile: questo processo di cementificazione avviene spesso in modo formalmente pacifico… Ci sono uomini capaci di perpetrare questa vendetta emozionale continuando a portare il caffè a letto alla moglie. Non ho bisogno di strillare, non ho bisogno di far trasparire sul mio viso espressioni d’ira o di dolore: tu avrai a che fare solo con il mio avatar meccanico, io ti punirò rendendo intangibile la mia anima e annegando i miei sentimenti.
Uno spaventoso suicidio a scopo di vendetta…

CONTINUA A LEGGERE CLICCA QUI

embed video powered by Union Development

Baciami stupido!

Baciare fa bene alla saluteAdoro queste notizie: “Baciarsi fa bene alla salute”. Ad esempio, secondo quanto scrive Ok-salute.it in un bellissimo articolo, un gruppo di psicologi tedeschi avrebbe dimostrato che chi bacia le labbra del partner tutte le mattine prima di uscire vive fino a cinque anni di più. Oltre ad avere uno stipendio più alto, a fare meno incidenti stradali, a rimanere a casa meno giorni dal lavoro per malattia.
E' uno dei dati diffusi sabato 6 luglio in occasione del World Kiss Day, la giornata mondiale del bacio.
Baciarsi fa bene alla salute e aumenta la felicità e l'ottimismo. Allevia il mal di testa (grazie alla maggiore produzione di dopamina ed endorfine), placa l'ansia, regolarizza la pressione e mette di buonumore perché abbassa i livelli di cortisolo, ormone dello stress e alza quelli dell'ossitocina che invece è l'ormone del “benessere”. Baciandosi ci si scambiano anticorpi, con beneficio per le proprie difese nei confronti delle malattie (ricerca condotta all'ospedale Satou di Osaka, in Giappone).
Tutto questo ovviamente rinforza il sistema immunitario ma baciarsi ha anche altri effetti: mantiene i denti sani, migliora l'aspetto della pelle del viso grazie al movimento di ben 29 muscoli del viso e del collo, e fa dimagrire. Si bruciano fino a 20 calorie per ogni minuto di baciamento.

CONTINUA A LEGGERE SU CACAO

L’amore è rivoluzionario!

La cultura dominante ha paura dell’amore e lo censura.
L’amore è l’esperienza più importante della vita? Secondo la cultura mafiosa no: megghiu cumannari ca’ futtiri (meglio comandare che fottere).
In realtà l’amore è il grande censurato della nostra cultura.

Ci sono milioni di libri e film che dicono tutto sulla seduzione, dal primo sguardo al primo bacio. Milioni di libri e film che raccontano tutto dalla prima rissa al divorzio con dolore, ma su cosa fare per amarsi tra il primo bacio e la prima litigata non si dice una parola. Un buco pazzesco nella cultura umana.
Ti dicono: e vissero felici e contenti… Ma cavolo! Ma è proprio dopo il primo bacio che inizia la grande sfida!!!
È lì che devi dirmi come fare perché l’amore non si esaurisca. Ma niente! Silenzio assoluto.
Anzi alcuni pessimisti (pagati dalle farmaceutiche degli antidepressivi) te lo dicono proprio che non c’è niente da fare: l’amore dura poco, poi al massimo resta l’amicizia. Ma vaffan…!
Io credo che su questo tema sia da ingaggiare una lotta all’ultimo sangue con le mummie dei media.
E per farlo può essere utile andare a vedere due tre cose non dette sull’amore.

Innanzitutto un’osservazione: l’amore non è una questione mentale, è qualche cosa di fisiologico.

CONTINUA SUL BLOG DI JACOPO FO

Additional information

Questo sito utilizza cookie di profilazione per inviare messaggi pubblicitari mirati. Il sito utilizza anche cookie di terze parti a fini statistici. Se accedi a qualunque elemento sopra questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Per capire meglio l'uso che facciamo dei cookie leggi la nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie di questo sito

EU Cookie Directive Plugin Information